PAPALE LAURO

 

                                                                                                                                                                > La critica 

  BIBLIOGRAFIA
 

Nato a Macerata nel 1945, Lauro Papale ( www.lauropapale.it ) ha vissuto e studiato a Roma diplomandosi al Liceo Artistico e all’Accademia di Belle Arti di via Ripetta, sotto la guida dei Maestri Giuseppe Capogrossi, Walter Lazzaro, Edgardo Mannucci, Sante Monachesi e Antonio Sanfilippo. Vincitore di più concorsi a cattedre, ha insegnato Moda e Grafica nell’Istituto Professionale; Arredamento e Progettazione Architettonica  nell’Istituto d’Arte ove ha concluso la sua carriera di docente. Già attivo nella pittura, da circa quindici anni si dedica alla ceramica con particolare interesse per la terracotta e per la tecnica Raku, producendo opere, realizzate personalmente a mano, in esemplari unici. Ha esposto le sue opere in mostre organizzate in varie città ultima delle quali Roma con la personale “Ceramica raku: il fumo veste la forma” presso Palazzo Valentini, sede della Provincia di Roma (2011). Dal 1998 svolge attività di volontariato nella scuola primaria a supporto dell’educazione all’arte. Vive e lavora a Giove (Tr).

 
   
  MOSTRE
   
 
   
   
   
   
   
   
  LE OPERE
  AVVERTENZA: Le opere realizzate con la tecnica Raku presentano delle irregolarità, sia nella forma che nel colore, dovute all’esecuzione manuale dell’oggetto e alla particolare tecnica di cottura e riduzione; pertanto tali “difetti” (malformazioni, cavillature, crepe, puntini, segni di vario tipo) non vanno assolutamente intesi come tali ma come caratteristica di tale ceramica che trova anche  in questi “difetti” la sua particolarità estetica. Esse vanno considerate, quindi, come oggetti di sola fruizione estetica, non adatti all’uso domestico tipico della ceramica commerciale.Tutti gli oggetti sono realizzati a mano dall’autore, in esemplari unici o in piccole serie numerate; la caratteristica di questo tipo di ceramica garantisce, comunque, differenze sensibili nella cromaticità delle opere seriali, pur mantenendo lo stesso disegno d’impianto.

 

 

  Rif.1 - ARCAICA
   
 
  Rif.2 -  BABELE
   
 
  Rif.3 -  CALLA
   
 
  Rif.4 -  MARTEVENERE
   
 
  RIF.5 -  MASCHERA
   
 
  Rif. 6 -  MIRO'
   
 
  Rif.7 -  PIATTO
   
 
  Rif. 8 -  SCIAMANO
   
 
  Rif. 9 - SCOMPOSIZIONE
   
 
  Rif. 10 -  SIBILLA
   
 
  Rif. 11 -  SPIRALE
   
 
  Rif. 12 -  STELE
   
 
  Rif.13 -  TEODORICO
   
 
  Rif. 14 -  VASOMICIA
   
 
  Rif. 15 -  VIOLINO DI LUCA